lunedì 10 aprile 2017

Una gita a… Faido e la cascata della Piumogna, attraverso il Sentiero delle leggende

Con l’arrivo delle belle giornate di sole, sempre più si ha voglia di trascorrere la giornata all’aria aperta. Con la famiglia spesso siamo andati verso il Bellinzonese e soprattutto ci piace sempre molto il parco ben curato e attrezzato di Faido in Val Leventina, che si raggiunge bene in macchina. Ci sono tanti giochi per i bambini, una fontana, bagni sempre in ordine, un piccolo bar aperto nei mesi estivi e soprattutto la possibilità di fare grigliate e brevi passeggiate verso la bella cascata della Piumogna. Una funivia un po' artigianale, a lato del parco dietro il Castelletto, porta a richiesta chi lo desidera ad un piccolo agriturismo nella montagna sopra Faido. Qui un maneggio di cavalli e una piscina, la cui acqua è gelida anche d'estate.

la cascata della Piumogna
Il percorso, denominato Sentiero delle leggende, che dal parco porta anche alla vicina cascata e che ad anello torna al parco della lunghezza di 2 chilometri e della durata di un’ora circa, è punteggiato da tavole in legno che recano storie e leggende del Ticino, illustrate dai bambini. 
Ispirati dalla leggenda “I Gobbi della Piumogna” (tratta da “Il Meraviglioso. Leggende, Fiabe e Favole Ticinesi- vol. 4" edito da Armando Dadò Editore), gli allievi delle scuole del Comune di Faido, con l’aiuto degli insegnanti, hanno approfondito la leggenda, elaborato un progetto e decorato i tronchi di betulla provenienti da un taglio locale e messi a disposizione dal Patriziato di Faido. 
I 165 tronchetti e le 16 pagine della leggenda, appositamente arricchite dagli acquarelli dell’artista Esther Zanzi, sono stati collocati lungo il percorso didattico della Segheria Patriziale di Faido.

il Sentiero delle leggende, illustrato dai bambini delle scuole di Faido

Descrizione dettagliata della passeggiata tratta dal sito dal fotografo ed esperto escursionista Luca Bettosini 


Arrivati a Faido si scende al parcheggio dove è situata la Migros. Da qui si prosegue in direzione della cascata, visibile proprio davanti; prima del castello ci sono dei parcheggi. Si segue la strada in direzione della cascata, passando sul ponte sospeso sul torrente che permette una magnifica panoramica su tutta la cascata. Oltre il ponte si entra nel bosco con dei tavoli per pic-nic e ad un certo punto si trova la deviazione a sinistra (in Zona Isola a 711 metri). Si sale il breve tratto in salita sul piacevole sentiero immerso nel bosco, si passa la panchina in sasso e si giunge, in circa 10 minuti, al ponte in sasso (cascata alta 771 metri), proprio sopra la cascata (ammirate la pozza sulla destra che prepara l’acqua per il gran salto della cascata. 
Qui si trova il grande cartello luminoso con la scritta “Faido”. Un cartello indica “Faido / Borgo 25 minuti”; si procede sul facile e tranquillo sentiero in discesa, sulla sinistra, attraversando il bosco (a destra si va a Dalpe). Una ulteriore indicazione segnala la salita a Piana Selva e Dalpe, ma si continua in direzione Faido / Borgo. La facile discesa porta ad un altro cartello e si segue “Cascata Piumogna 1 minuto”, in modo da ritornare al punto di partenza. Tutto il giro dura all’incirca 30 minuti su un facilissimo sentiero alla scoperta dell’acqua che forma la magnifica cascata. La zona si presta ottimamente per famiglie con bambini avendo anche la possibilità di fare degli splendidi pic-nic, come pure di girare in bicicletta. Insomma un piccolo paradiso naturale a due passi dall’auto e da Faido.


Un suggerimento goloso: se non si ha voglia di cucinare, preparare pic nic o grigliare è possibile degustare piatti molto buoni, adatti anche ai bambini nella vicina Lavorgo all’Hotel De Fanti
Provato personalmente!


Un libro da leggere: Se siete appassionati di boschi non perdetevi la lettura del libro tra il divulgativo e l'aneddotico La vita segreta degli alberi dell'autore e guardia forestale tedesca Peter Wohlleben. In questi giorni è uno dei libri che ho sul mio comodino per la lettura serale e ho imparato senza annoiarmi tante notizie stupefacenti sulla vita dei boschi: come gli alberi comunicano tra loro, come si aiutano e come in ognuno di questi eco sistemi ci sia un equilibrio incredibile e quanti sono ancora i misteri sul funzionamento dei nostri fratelli vegetali.

di Cristina Radi


Se ti è piaciuto questo post leggi anche Una gita a...

Svizzera, Canton Ticino: A Tremona un villaggio del Medioevo in 3D

Svizzera, Canton Ticino: Barefooting dove farlo in Ticino

Svizzera, Canton TicinoIl maglio di Aranno

Svizzera, Canton TicinoIl lago Tremorgio

Svizzera, Canton TicinoTutta la verità sul Ponte Tibetano di Monte Carasso

Svizzera, Canton TicinoFaido e la cascata della Piumogna

Svizzera, Canton TicinoVal Bavona, un paese abbandonato

Svizzera, Canton Zurigo: Zurigo

Germania: Monaco di Baviera

Germania: Augsburg



Nessun commento:

Posta un commento