giovedì 20 ottobre 2016

Sono Rossella, Scarlett O'Hara

Salve a tutti mi presento sono Rossella (sono di Vignola, vicino Modena in Italia, il paese delle ciliegie, Torta Barozzi, scala a chiocciola...e tanto altro, ma abito da 20 anni a Bologna, dove ho sempre desiderato vivere anche se ancora mi chiedo perché?!!! Mi occupo di ufficio stampa e organizzazione di eventi culturali, ho iniziato a fare questo lavoro proprio perché andare a teatro, al cinema, alle mostre non mi sembrava un vero lavoro, ma una gran goduria!!! poi è diventato il mio vero lavoro...) la mia amica e socia storica, autrice di questo blog, ha chiesto anche il mio di sguardo, mi ha detto "fammi compagnia in questa mia nuova avventura, dopo che noi insieme ne abbiamo vissute tante..scrivi di quello che vuoi, di spettacoli, di mostre, di cinema, che vedi a Bologna o in giro..." le ho risposto "molto volentieri, mi piacerebbe scrivere di cinema", lei ha detto "benissimo" e ora eccomi qua a scrivere di cinema a modo mio. 


Credo che il mio amore incondizionato per il cinema sia legato ai miei ricordi. Il cinema la domenica pomeriggio d'inverno, con mia mamma e mia sorella era davvero una festa bellissima.
Uno dei primi film che ho visto da bambina è stato "Via col vento" (Gone with the wind di Victor Fleming, 1939), sì ho, più o meno iniziato, con un film di quattro ore, quattro ore bellissime (credo!?) dove la protagonista del film si chiamava addirittura come me! Scarlett (tradotto in italiano con Rossella) O'Hara mi piaceva tantissimo, era bella, coraggiosa e... sfortunata in amore (anche se si era sposata con quel bel fusto di Clark Gable) e solo nell'ultima scena capisce che ama il suo Rhett (ho sempre pensato mannaggia ma non poteva venirle in mente prima che lo amava, così si risparmiava tanti magoni, ma sarà il destino delle Rosselle)...
In anni più recenti il film e i suoi protagonisti sono tornati inaspettatamente a farmi compagnia. Piero Santi, voce storica e indimenticata di Radio Città del Capo di Bologna, una delle prime volte che mi ha sentito al telefono per organizzare qualche intervista e ha saputo che mi chiamavo Rossella, ha cominciato a chiamarmi La O'Hara (cosa che a me piaceva tantissimo)...continua

Se ti è piaciuto questo post leggi anche:
La dottoressa Jenny c’est moi

Pastorale americana

Miss Peregrin di Tim Burton

Perspolis di Marjane Satrapi

Chaplin's world

Nessun commento:

Posta un commento