mercoledì 4 gennaio 2017

L'Iran attraverso gli occhi di Marjane Satrapi, Persepolis il film e il libro

“Resta sempre integra e coerente con te stessa” queste sono le parole della nonna di Marjane Satrapi e con cui lei si confronta nei momenti difficili.
Marjane Satrapi è l’autrice di Persepolis, stupefacente film d'animazione del 2007, candidato all'Oscar, basato sull'omonima graphic novel autobiografica, che ha fatto conoscere l’autrice iraniana in tutto il mondo. Io e mio nipote Gioele di 15 anni abbiamo visto il film durante le feste natalizie. 


Avevo parlato a Gioele del fumetto della Satrapi e anche che io e Cristina Radi come Pepita Promoters, avevamo curato l’ufficio stampa di una delle prime mostre, che l’artista ha fatto in Italia. La mostra, curata dall’associazione Mirada di Elettra Stamboulis e Gianluca Costantini, si intitolava “Il Velo di Maya. Marjane Satrapi o dell’ironia dell’Iran” (Ravenna ottobre-novembre 2003), lo so con certezza perché in ufficio abbiamo ancora il bellissimo manifesto della mostra disegnato da Costantini. 


In occasione della mostra ho conosciuto Marjane, un incontro che non ho mai dimenticato. L’artista è del 1969, un anno in meno di me, leggendo la sua storia, disegnata da lei con tratti infantili, ma perfetti, rigorosamente in bianco e nero e intrecciata in modo indissolubile con una forte ironia e autoironia anche nei momenti più drammatici, mi sono rispecchiata spesso in lei e ritrovata nei suoi ricordi (i suoi cantanti preferiti erano quelli che ascoltavo io…), però ecco che ad un certo punto la sua storia si separa dalla mia…e Marjane ci racconta come suo nonno e suo zio furono imprigionati per anni dalla dittatura dello scià e lo zio poi ucciso durante la repubblica islamica, che portò al potere Komeini e costrinse le donne a coprirsi la testa e tutto il corpo…(divertente la scena in cui Marjane già ragazzina corre dietro l’autobus della scuola per cercare di prenderlo al volo e viene fermata dai “fratelli” che le vietano di correre, perché muovendosi mostra il sedere e lei che gli urla di non guardarglielo). 


La storia, inizia, infatti, poco prima della Rivoluzione iraniana (1979), mostrando attraverso gli occhi di Marjane, che inizialmente ha nove anni, come le speranze di cambiamento della gente furono infrante lentamente quando presero il potere i fondamentalisti islamici, riducendo ulteriormente le libertà della popolazione e imprigionando migliaia di persone. La storia si conclude (1994) con Marjane, ormai ventiduenne, che va a vivere a Parigi dove comincerà a disegnare…
Le vicende narrate in Persepolis sono molto drammatiche, un popolo che perde la libertà e l’identità, un paese che manda a morire i suoi ragazzi in battaglia facendogli credere di essere dei martiri e regalando loro una chiave di plastica con cui apriranno le porte del paradiso… I missili distruggono il palazzo vicino, l’amico caro d’infanzia dopo la guerra è su una sedia a rotelle senza un braccio e una gamba…tanti tanti tanti morti e per cosa? Nonostante tutto Marjane indossa le scarpe da ginnastica alla moda e il giubbotto di jeans: la sua voglia di normalità, di essere solo una ragazzina è più forte della tragedia che la circonda.

Mio nipote Gioele è rimasto affascinato dal film e mi ha detto che gli piacerebbe leggere il fumetto… e so per certo che non potrà che essere una lettura emozionante, coinvolgente e anche divertente (Persepolis Nuova edizione integrale Rizzoli Lizard).

Nessun commento:

Posta un commento