venerdì 13 gennaio 2017

una gita a… è impossibile resistere al fascino secolare di Ravenna (Italia)

Durante le vacanze natalizie sono tornata a Ravenna, città italiana che in passato frequentavo abitualmente, ma che mi riserva ogni volta stupore per le sue bellezze, ancora forse poco conosciute soprattutto fuori Italia.
È molto facile girare per il centro storico, già da molti anni è pedonalizzato, conquista che solo poche città italiane hanno raggiunto, e si può anche percorrere facilmente in bicicletta grazie alle molte piste ciclabili.
Il mosaico bizantino è l’attrazione più grande e bisogna senz’altro dotarsi di una guida scritta o meglio di una persona esperta (Ravennaturismo), che possa spiegarne la simbologia, i materiali, la struttura per capire la portata immensa di queste opere frutto di una pazienza e di una maestria fuori dal comune.

Chiesa di San Vitale, particolare di Teodora e la sua corte - foto di Edisonblus
Di prassi il tour inizia dalla stupefacente Chiesa di San Vitale dove vi accolgono gli allora padroni di casa, gli imperatori bizantini Teodora e Giustiniano, accanto a cui si può visitare il più piccolo ed intimo Mausoleo di Galla Placidia, con il suo cielo di stelle dorate e le finestre di alabastro, da cui penetra una luce particolare.


Mausoleo di Galla Placidia, particolare cervi alla fonte- foto di Sailko
Ancora in città da vedere la Chiesa di Sant’Apollinare Nuovo, dove una lunga teoria di Santi e Vergini ci accompagna all'altare e la bella Cappella all’interno del Museo arcivescovile. Due battisteri coronano il giro musivo: Il Battistero Neoniano accanto al Duomo e quello degli Ariani, che però è più difficile trovare aperto alle visite, forse è possibile prenotando una visita guidata.

Sant'Apollinare nuovo
Bei mosaici anche nella pavimentazione della villa romana sempre in centro storico, la Domus dai tappeti di Pietra, ritrovata per caso nel 1993 durante i lavori per creare delle autorimesse.

Domus dai tappeti di Pietra - foto di Incola
Il giro può concludersi nella Basilica di Sant’Apollinare in Classe, che sta però un po’ al di fuori della città, per cui bisogna prendere un mezzo pubblico o andare in macchina. Ed eventualmente da qui prendere l’occasione per dare un’occhiata anche al recentemente restaurato Porto di Classe, sito archeologico della zona di lavoro del porto romano di Ravenna, dove era tenuta la Flotta romana pronta per le spedizioni.

Sant'Apollinare in classe
Se si ha ancora tempo, in città si possono visitare anche due tombe prestigiose: Il Mausoleo di Teodorico e la Tomba di Dante Alighieri, morto esule proprio a Ravenna.
Ravenna è una città sempre piena di vita e di attività culturali, che si possono abbinare alla visita della città se si permane per qualche giorno. Diversi i festival importanti come il Ravenna Festival (maggio-luglio) dedicato all’opera e alla musica classica e in settembre il Festival di danza urbana Ammutinamenti. Anche le stagioni teatrali sono particolarmente interessanti con gli appuntamenti del Teatro Alighieri e del Teatro Rasi. Al MAR inoltre, il Museo d’arte moderna sono spesso programmate mostre di alto livello.
D’estate poi si può unire la vita da spiaggia a Marina di Ravenna o negli altri Lidi alle visite culturali, spesso i mosaici sono aperti anche la sera. Nei bagni di Marina di Ravenna poi si trovano attività davvero per tutti i gusti: da incontri letterari anche con scrittori famosi, a happy hour con birra e salsiccia.

Infine per fermarsi a mangiare in città in luoghi alla portata di tutte le tasche ho provato di persona con soddisfazione la Pizzeria e Ristorante il Passatore oppure per gustare la classica piadina romagnola senz’altro vale la pena andare alla Ca’de Ven.

Piazza del Popolo a Ravenna

di Cristina Radi

Se ti è piaciuto questo post leggi anche Una gita a...

Svizzera, Canton Ticino: A Tremona un villaggio del Medioevo in 3D

Svizzera, Canton Ticino: Barefooting dove farlo in Ticino

Svizzera, Canton TicinoIl maglio di Aranno

Svizzera, Canton TicinoIl lago Tremorgio

Svizzera, Canton TicinoTutta la verità sul Ponte Tibetano di Monte Carasso

Svizzera, Canton TicinoFaido e la cascata della Piumogna

Svizzera, Canton TicinoVal Bavona, un paese abbandonato

Svizzera, Canton Zurigo: Zurigo

Germania: Monaco di Baviera

Germania: Augsburg



Nessun commento:

Posta un commento