venerdì 16 dicembre 2016

Marchés de Noël in Alsazia, Francia: cosa c’è da vedere, da vedere assolutamente e da lasciar perdere (citazione RSI)

Recentemente sono tornata in Alsazia (Francia), con la famiglia per visitare la regione e fare qualche giro nei numerosi mercatini di Natale, disseminati un po’ in tutte le cittadine. 
Infatti anche le più piccole, soprattutto quelle che si trovano nella Route des Vins, si pregiano di avere mercatini magari solo per il fine settimana e nei giorni festivi; abbiamo poi terminato il giro a Strasburgo. In ogni città oltre al mercato anche tante iniziative collaterali di musica e spettacoli anche per i bambini.


Il mercato, che mi è sembrato meglio organizzato e più variegato, è stato senz’altro quello della città di Colmar, con depliant in diverse lingue, tra cui l’italiano e bancarelle divise in varie aree della città in una sorta di sezioni tematiche. Molte le bancarelle con prodotti particolari di artigianato e anche un’intera area dedicata ai bambini con anche qualche gioco e bancarelle con colori e tecniche di colorazione inusuali e pupazzi ma sempre con la cifra del bio, quindi riempiti di lavanda da scaldare per la giornate fredde o piccoli malesseri.
Anche Barr ha un piccolo mercato al coperto ma degno di nota con tanti prodotti artigianali, e una sorta di anticamera con giochi di legno per intrattenere i bambini. Anche a Barr il periodo di Natale è ricco di iniziative culturali.


Un po’ più deludente invece il grande mercato della città di Strasburgo, dove ho notato anche rispetto allo scorso anno, che si è data sempre più la priorità a bancarelle di prodotti alimentari da consumare subito, come crepes e vin brulé piuttosto che artigianato e manufatti originali.

Vale la pena citare anche se un po’ fuori zona anche il mercato di Natale di Freiburg in Germania, anche questo non di ampie dimensioni ma senz’altro con prodotti di pregio, l’unico in cui abbia trovato un’ampia scelta di cappelli, sciarpe, guanti in lana fatti a mano.

Nessun commento:

Posta un commento