giovedì 11 maggio 2017

7 idee tra le tantissime del Festival della natura (Svizzera 18-21 maggio 2017)

Full immersion nella natura con le tantissime proposte del Festival della natura in programma in tutta la Svizzera dal 18 al 21 maggio.
Molte e diversificate anche le iniziative in Ticino, ne ho selezionate alcune che più si accordavano al mio gusto. Sul sito del Festival se ne trovano tantissime altre ed è possibile partecipare iscrivendosi direttamente dal sito del Festival, oppure contattare i recapiti di ogni iniziativa.

Nel Locarnese sabato 20 maggio (ore 14-17) attacchi di guerrilla gardening, "bombe" di semi da lanciare in giardino o negli angolini più grigi della città con Cinzia Pradella, nota per i suoi laboratori di orto nelle scuole, frequentati con grande soddisfazione anche da mia figlia, che ha visto crescere l’orto della scuola di Solduno, curato durante i vari incontri. (Contatto Cinzia Pradella / ortoascuola@gmail.com, www.ortoascuola.ch)

Tre proposte notturne per i più temerari. L’intensa e misteriosa vita di questi mammiferi volanti è al centro di: A tu per tu con i pipistrelli – Escursione serale, organizzata dal Centro protezione chirotteri Ticino, venerdì 19 maggio ore 20.30- 21.45. Muniti di torce e speciali rilevatori di ultrasuoni (batdetector) alla scoperta dei pipistrelli nei loro ambienti di caccia. Il programma prevede l'osservazione dei pipistrelli che cacciano attorno al laghetto di Muzzano. Attrezzatura: scarpe comode ed eventualmente torcia elettrica. In caso di pioggia: escursione annullata (contatto Marzia Mattei marzia.mattei@ticino.com / www.pipistrelliticino.ch/1_SOLAIO.html).


Venerdì 19 maggio (ore 20.30- 21.45) Paesaggi notturni e sonori nelle Bolle di Magadino. Escursione notturna accompagnata nella riserva. Ritrovo con pila alla casa comunale di Magadino alle 20.00 -23.00. Con qualsiasi tempo. La notte permette di ascoltare gli animali nel pieno delle loro attività primaverili. (Contatto Fondazione Bolle di Magadino, 091 7953115, fbm@bluewin.ch, www.bolledimagadino.com).

A Lugano classica notte al Museo sabato 20 maggio, (ore 20.30-23.30) presso il Museo cantonale di storia naturale (Via Cattaneo 4 Lugano) con ateliers e piccole animazioni di scoperta della natura, con accento sulle specie protette e particolari (Contatto Pia Giorgetti pia.giorgetti@ti.ch).

Due proposte umide per sabato 20 maggio, annullate entrambe in caso di pioggia.
Una di narrazione: “Chiedimi una storia” in riva al laghetto di Muzzano. Pro Natura e il contastorie Luca Chieregato per condividere parole, storie e favole circondati dalla natura. 

il fiume Maggia
A partire dalle ore 15 sarà presente la bancarella informativa di Pro Natura, dalle 15.30-17.30 avrà inizio “Chiedimi una storia”. Attrezzatura: tanta voglia di ascoltare storie circondati dalla natura
Attività gratuita ad offerta libera. (Lago di Muzzano – ritrovo all’aula sull’acqua di Pro Natura Ticino, Contatto 091 835 57 67 / www.pronatura-ti.ch/agenda).

Una di osservazione: Il fiume e i suoi segreti, Il fiume Maggia è considerato tra i più belli della Svizzera, grazie agli spettacolari ambienti naturali che vi si trovano. Lungo il sentiero tra Someo e Giumaglio per scoprire alcuni segreti del fiume. Attrezzature: si consigliano scarpe comode e un binocolo. (Mirko Zanini - Centro Valle Maggia 078 690 30 11, mirko@cnvm.ch / www.cnvm.ch/).

Transumanza per tutti, Escursione naturalistica a passo di capra. Sabato 20 maggio 2017 (ore 7.30- 19.00). Come ogni anno, dopo la lunga pausa invernale trascorsa nelle stalle, le capre partono per i monti e gli alpeggi dove rimangono per tutta l’estate. Per rendervi partecipi di questa transumanza che marca l’inizio di una nuova stagione per animali e alpigiani e che permette di sfruttare al meglio i pascoli dal piano fino alla montagna seguendo il ciclo naturale vegetativo, si può seguire la transumanza di un gregge di capre, che da Gordevio saliranno all’alpe di Mergozzo ubicato a 1'400 m di altezza sopra Gordevio. Ci sono quasi 1'000 m di dislivello lungo un facile sentiero pedestre e occorreranno almeno 3 ore di passeggiata dato che le capre saliranno lentamente, pascolando lungo tutto il sentiero, sarà quindi anche l’occasione per scoprire la flora e la fauna tipiche del luogo partendo dalle selve castanili fino alla faggeta e ai pascoli alpestri. 
È possibile accompagnare il gregge anche solo per una parte del viaggio. (Contatto Tiziano Maddalena, Fondazione Centro Capra cell. 079 628 07 77, tmaddalena@ticino.com / www.fondazionecapra.ch).


di Cristina Radi

programma completo su http://festivaldellanatura.ch

Nessun commento:

Posta un commento