mercoledì 22 febbraio 2017

Il Mast a Berlino anzi no a Bologna

Può succedere che mentre pensi di essere nella periferia di Bologna tra piccole case dai mattoni rossi ti imbatti, quasi per caso, nel MAST (acronimo di Manifattura di Arte, Sperimentazione e Tecnologia) e ti sembra di essere in uno dei quartieri più innovativi di Berlino.


È questo l’effetto che mi ha fatto il MAST la prima volta che l’ho visto. Un’ enorme struttura in vetro e acciaio, che mi ammiccava alle prime luci della sera. Il Mast enorme lo è veramente trattandosi di un complesso di 25 mila metri quadrati progettato dallo studio LABICS, risultato vincitore di un concorso internazionale indetto per volontà della presidentessa di Coesia, Isabella Seragnoli. L’edificio si sviluppa adiacente alla storica fabbrica di G.D. e alla sede centrale del Gruppo Coesia.
Centrato su tecnologia, arte e innovazione, MAST è un centro polifunzionale a disposizione dei collaboratori di Coesia e della comunità. La struttura è suddivisa in una serie di funzioni private, semi-pubbliche e pubbliche che si snodano lungo i tre piani esterni. Una parte del piano terra è dedicato al nido per l'infanzia (per i bambini dei lavoratori di Coesia, ma anche per i bambini del quartiere) le varie aule hanno tutte parenti trasparenti e ondulate sembra di stare in un acquario fatto di giochi per bambini e pennarelli colorati. Al secondo piano ci si trova in un elegante foyer con i pavimenti di marmo bianco e nero per poi accedere all’auditorium, una vera e propria sala teatrale o cinematografica.

Asilo all'interno del Mast
Al piano terra e al primo piano lo spazio (2.000 mq) dedicato alle mostre (soprattutto di fotografia industriale), sempre ad accesso gratuito, incentrato sull'esplorazione dei processi di innovazione tecnologica ed imprenditoriale.
Chiudono il percorso i giardini e le strutture esterne che sono state progettate dal paesaggista Paolo Pejrone e sono arricchite dalla presenza di opere d’arte, tra cui la monumentale scultura rosso fuoco Old Grey Beam di Mark di Suvero e altri interventi scultorei come la Collective Movement Sphere di Olafur Eliasson nell’atrio, la Sfera di Arnaldo Pomodoro nell’academy, il Coffee table di Donald Judd e la Shine di Anish Kapoor nel foyer.

Che vi avevo detto non vi sembra di essere a …Bologna.


di Rossella Gibellini

Se ti è piaciuto questo post leggi anche Una gita a...

Svizzera, Canton Ticino: Barefooting dove farlo in Ticino

Svizzera, Canton TicinoIl maglio di Aranno

Svizzera, Canton TicinoIl lago Tremorgio

Svizzera, Canton TicinoTutta la verità sul Ponte Tibetano di Monte Carasso

Svizzera, Canton TicinoFaido e la cascata della Piumogna

Svizzera, Canton TicinoVal Bavona, un paese abbandonato

Svizzera, Canton Zurigo: Zurigo

Germania: Monaco di Baviera

Germania: Augsburg

Italia: Ravenna il suo fascino secolare





Nessun commento:

Posta un commento