giovedì 26 ottobre 2017

Il Museo Federico II Stupor Mundi, il museo multimediale di Jesi (Regione Marche, Italia)

Se vi trovate in vacanza in Centro Italia sul versante adriatico, mettete in programma senz'altro una gita a Jesi (in provincia di Ancona, nella Regione Marche), cittadina che offre più di una sopresa. 
La sua origine medioevale le ha regalato delle mura belle e ben tenute e le strette viuzze del centro storico si aprono su inusuali viste e scorci, in cui si affacciano diverse piccole osterie, dove gustare le specialità marchigiane e bere del buon "Verdicchio", il vino bianco locale, anche seduti nei tavolini all'aperto, se la stagione lo permette. Le colline circostanti poi, non hanno nulla da invidiare ai colli toscani.
Da qualche mese poi c'è una ragione in più per visitare la città, che ha dato i natali a diversi personaggi storici, tra cui uno dei più noti è l'imperatore Federico II.

Il settecentesco Palazzo Ghislieri, che si affaccia su Piazza Federico II , è la sede del nuovissimo museo a lui dedicato “Federico II Stupor Mundi”.


Su questa stessa piazza il 26 dicembre 1194 Costanza d’Altavilla, sotto una tenda in mezzo al popolo, diede alla luce Federico II Hohenstaufen, futuro Re di Germania e di Sicilia e Imperatore del Sacro Romano Impero. Il ricordo della città natale rimase vivo nella memoria dell’Imperatore svevo, come mostra la lettera inviata agli abitanti di Jesi nell’agosto 1239, nella quale la descrive come “nobile città della Marca, insigne principio della nostra vita, terra ove la nostra culla assurse a particolare splendore” e la definisce “la nostra Betlemme”. La nascita di Federico II nella città marchigiana, ed i privilegi ad essa concessi dai suoi eredi, è alla base dell’antica definizione di “Jesi Città Regia”.

Federico II di Hohenstaufen non fu solo un grande politico e condottiero, ma anche un personaggio di rara intelligenza, un fine intellettuale e studioso capace di anticipare i tempi. Si circondò di poeti eccelsi, con cui fondò la Scuola Poetica Siciliana, alla base della nascita della letteratura italiana; i suoi interessi per il sapere e la ricerca comprendevano anche i campi della medicina, dell’astronomia e della matematica, fu uomo di potere e di cultura.


L’itinerario del museo, all’interno del settecentesco Palazzo Ghislieri, è pensato a diversi “livelli” per interessare varie fasce di pubblico, dagli allievi delle scuole elementari ed i bambini in genere, a visitatori più informati. Si compone di 16 stanze distribuite su tre piani e si sviluppa come una rappresentazione teatrale medievale, composta di 16 stazioni, ognuna delle quali racconta, con svariati linguaggi, la storia di Federico II, dalla nascita fino al consolidarsi del suo mito: scenografie, video-installazioni e proiezioni di immagini statiche o animate tratte da miniature medievali, touchscreen, olografie, ricostruzioni di oggetti e di costumi.

Federico II fu l'ultimo degli imperatori "universali". Visse un'esistenza certamente straordinaria per le dimensioni del suo impero e dei regni, interagendo, anche duramente, con quattro grandi pontefici. Fu più volte scomunicato e, da ultimo, anche deposto. Ma non desistette dal compito che riteneva gli fosse stato affidato da Dio: quello di guidare gli uomini sulla via della salvezza, senza la mediazione del papa.

Foto Stefano Binci
Il progetto di questo museo così innovativo, è nato dalla volontà dell’imprenditore e presidente della Fondazione Federico II Stupor Mundi, Gennaro Pieralisi, di dedicare al grande Imperatore un luogo che potesse ripercorrerne la vita straordinaria, raccontare le sue imprese sia in politica che in cultura, e diffondere la conoscenza degli edifici, palazzi, castelli e vestigia, ancora conservati in Italia e in Europa. La curatela scientifica è stata affidata a Anna Laura Trombetti Budriesi, docente di Storia medievale all’Università di Bologna. La direzione generale del progetto museale è a cura di William Graziosi, segretario generale della Fondazione Federico II Stupor Mundi.

INFORMAZIONI e PRENOTAZIONI
Palazzo Ghislieri, Piazza Federico II, 3 – 60035 Jesi (AN)
Tel. 0039 0731 084470 oppure 0039 0731 202944

ORARIO INVERNALE (16 settembre -14 giugno)
GIO-SAB: h 15 - 19
la mattina aperto solo su prenotazione per gruppi e scuole

DOM: h 10-13 e 15-19

ORARIO ESTIVO (15 giugno-15 settembre)

tutti i giorni dalle 10 alle 13 e dalle 15 alle 19

di Cristina Radi

Se ti è piaciuto questo post leggi anche Una gita a...

Svizzera, Canton Ticino: Barefooting dove farlo in Ticino

Svizzera, Canton TicinoIl maglio di Aranno

Svizzera, Canton TicinoIl lago Tremorgio

Svizzera, Canton TicinoTutta la verità sul Ponte Tibetano di Monte Carasso

Svizzera, Canton TicinoFaido e la cascata della Piumogna

Svizzera, Canton TicinoVal Bavona, un paese abbandonato

Svizzera, Canton Zurigo: Zurigo

Germania: Monaco di Baviera

Germania: Augsburg

Italia: Ravenna il suo fascino secolare





Nessun commento:

Posta un commento