giovedì 18 gennaio 2018

FICO – visita all'eccellenza del buon cibo italiano

E finalmente una volta tanto si va in Italia e si è fieri di quello che abbiamo e sappiamo valorizzarlo al meglio.


A novembre 2017 hanno inaugurato alla periferia di Bologna, il più grande Parco agroalimentare del mondo, si chiama FICO (Fabbrica Italiana COntadina) ed è una costola di Eataly. Giustamente è stata scelta Bologna, che aveva già la fama mondiale della città del cibo italiano per eccellenza. Si tratta di un grandissimo luogo al coperto, dove per comodità si possono usare persino delle biciclette per poterlo girare tutto senza stancarsi.



Qui si trovano svariati tipi di ristoranti, la gastronomia italiana virata in tutte le sue diverse sfumature: la pasta, i fritti, le patate, la cucina mediterranea, la pizza, i salumi, la grigliata, il pesce e tanto tanto altro ancora.
Molti gli stand in cui assaggiare e comprare i prodotti italiani di marche note o di nicchia, ma sempre con la cifra del “farlo artigianalmente”. Si possono trascorrere intere giornate all’interno, l’ingresso è gratuito e numerose sono le iniziative o le installazioni per i bambini. Giochi fissi in un’area vasta, che presenta persino un campo da beach volley.



All’esterno il parco offre numerose attrattive, che saranno meglio fruite con la bella stagione come animali vivi in una sorta di fattoria didattica e persino un minigolf e un trenino marcato freccia rossa. 
I prezzi sono un po’ alti, ma sinceramente la qualità e l’organizzazione va pagata, e se il servizio è di alto livello, va bene così.
Piuttosto scomodo invece ho trovato il fatto che potendo mangiare cose così diverse, non si sia pensato a creare di più aree comuni dove le comitive possono mangiare insieme ognuna cibi diversi. Io sono andata la prima volta con la mia famiglia e ognuno voleva assaggiare una cosa diversa e farla assaggiare agli altri componenti, ma nei ristoranti non è possibile mangiare cose di un altro ristorante e ci sono poche zone attrezzate per fare un pasto da asporto e dare la possibilità di mangiare insieme cose differenti. Così ci siamo arrangiati un po' scomodamente nei divanetti con piccoli tavoli più da aperitivo che da pasto. Il cibo però era ottimo.





di Cristina Radi

Se ti è piaciuto questo post leggi anche Una gita a...

Svizzera, Canton Ticino: Barefooting dove farlo in Ticino

Svizzera, Canton TicinoIl maglio di Aranno

Svizzera, Canton TicinoIl lago Tremorgio

Svizzera, Canton TicinoTutta la verità sul Ponte Tibetano di Monte Carasso

Svizzera, Canton TicinoFaido e la cascata della Piumogna

Svizzera, Canton TicinoVal Bavona, un paese abbandonato

Svizzera, Canton Zurigo: Zurigo

Germania: Monaco di Baviera

Germania: Augsburg

Italia: Ravenna il suo fascino secolare





Nessun commento:

Posta un commento